GINO GIANGREGORIO DINO PANZA GAETANO QUARTA LUIGI CATELLA MARCO BARILE

LEAD GUITAR

RHYTHM GUITAR

BACKING VOCALS

LEAD HARMONICA

RHYTHM HARMONICA

LEAD VOCALS

PERCUSSION

BASS GUITAR

UPRIGHT BASS

DRUMS

PERCUSSION

BIOGRAFIA

Raccontare la storia della VIA DEL BLUES equivale a ripercorrere gli avvenimenti musicali della città di Bari intorno all'anno 1969.

In quell'irripetibile periodo i fondatori Gino Giangregorio e Dino Panza si erano fatti portavoce di una musica capace di aggregare e scoprire cose non ancora viste e sentite.

I soldi erano pochi e gli strumenti di modesta qualità; molti gruppi che nascevano duravano un attimo.

La VIA DEL BLUES, invece, ha saputo proseguire nel cammino (talvolta cambiando compagni di strada) lasciando sempre intatto il proprio spirito: divertirsi, sognare e soprattutto suonare il Blues, il Folk, il Country ed il Rock.

Nel corso degli anni la band ha anche collaborato con numerosi artisti di rilievo come Herbert Pagani, Ivan Graziani, Roberto Ottaviano e Manfred M. Junius.

Nel 2003, dopo anni trascorsi interpretando le più belle canzoni del panorama musicale americano ed inglese, la formazione composta da Gino Giangregorio alla chitarra, Dino Panza all'armonica e Gaetano Quarta al canto realizza il suo primo album di brani originali: "Trouble Trouble".

Non paga del notevole riscontro ottenuto dal CD, nel novembre 2004 la VIA torna in sala di registrazione per realizzare "Let The Band Play!". Il lavoro, pubblicato nel maggio 2005, non solo conferma il suono bluesy del suo predecessore ma esprime maggiori aperture al rock, tendenza riscontrabile anche nel successivo "Another Way" (febbraio 2009).

Nel luglio del 2011 la VIA DEL BLUES ha l'onore di condividere con Popa Chubby il palco del 'Festival Blues Città di Brindisi'.

Con l'ingresso di Luigi Catella e Marco Barile la band realizza "World Out There" (febbraio 2013) e "Five By Five" il nuovo album firmato VdB.

Buona musica a tutti voi.....Dino, Gino, Gaetano, Luigi e Marco.

BIOGRAPHY

Telling the story of VIA DEL BLUES is equivalent to recall the musical events of the city of Bari around the year 1969.

In that unique period founders Gino Giangregorio and Dino Panza became spokesmen of a music able to join people and discover things not yet seen and heard.

Few money and no good quality instruments were the main features of that period; many groups born in that phase but they lasted a moment.

VIA DEL BLUES, however, has been able to continue on the path (sometimes changing companions) always leaving intact its spirit: fun, dream and especially playing Blues, Folk, Country and Rock.

Over the years the band has also collaborated with many prominent artists like Herbert Pagani, Ivan Graziani, Roberto Ottaviano and Manfred M. Junius.

In 2003, after years spent playing the best songs from the american and british music scenes, the band consists of Gino Giangregorio on guitar, Dino Panza on harmonica and Gaetano Quarta on lead vocals produced their first album of original songs: "Trouble Trouble".

Not stisfied by the considerable feedback obtained from the first CD, in november 2004 VIA come back to the recording studio for the making of "Let The Band Play!". The work, published in may 2005, not only confirms the bluesy sound of its predecessor but expressed greater openings to rock, a trend that is also reflected in the next "Another Way" (february 2009).

In july 2011, VIA DEL BLUES has the honor to share the stage of 'City of Brindisi Blues Festival' with Popa Chubby.

With the entry of Luigi Catella and Marco Barile the band released "World Out There" (february 2013) and "Five By Five" the new album signed VdB.

Good music to all of you.....Dino, Gino, Gaetano, Luigi and Marco.

 

● TIMELINE ●

 

● RECENSIONI - REVIEWS ●

La Gazzetta del Mezzogiorno: "Via del blues - La ballata dei trent'anni", articolo di Nicola Morisco del 18 Dicembre 2003

Buscadero: "Via del Blues - Trouble Trouble", articolo di Lino Brunetti pubblicato sul numero di Dicembre 2004

La Gazzetta del Mezzogiorno: "Il diavolo sulla Via del Blues", articolo di Nicola Morisco del 13 Maggio 2005

la Repubblica: "I Via del Blues alla Feltrinelli presentano il secondo album", articolo del 6 Luglio 2005

La Gazzetta del Mezzogiorno: "Quarant'anni di avventure sulla Via del blues", articolo di Nicola Morisco del 21 Aprile 2009

Buscadero: "Italians do it better?", articolo di Andrea Trevaini pubblicato sul numero di Luglio/Agosto 2010

Bluessummit.com: "Via del Blues - Another Way" articolo di Guido Sfondrini del 2010

Brundisium.net: "Via del Blues - World Out There" articolo di Marco Greco sul Diario di Bordo Pagina 163 (Marzo 2013)

it's still rock and roll to me: "Via del Blues (World Out There)" articolo di Enzo Curelli del 1 Marzo 2013

La Gazzetta del Mezzogiorno: "La 'Via del Blues' è sempre quella pure dopo 40 anni", articolo di Nicola Morisco del 6 Maggio 2013

Buscadero: "Italians do it better?", articolo di Andrea Trevaini pubblicato sul numero di Marzo 2014

Distorsioni: "Via del Blues - World Out There" articolo di Guido Sfondrini del 7 Aprile 2014

Brundisium.net: "Five by Five, il nuovo lavoro della Via del Blues" articolo di Marco Greco sul Diario di Bordo n. 288 (Ottobre 2015)

Distorsioni: "Via del Blues - Five by Five" articolo di Guido Sfondrini del 3 dicembre 2015

Il Blues: "Via del Blues - Five by Five" articolo di Silvano Brambilla sul numero 133 - dicembre 2015

Barinedita.it: "La via del blues", il gruppo più longevo di Bari: "Suoniamo solo pezzi nostri, dal 1969" - giugno 2017